FOTO BEVILONGA 2014

Ecco alcune foto della Bevilonga 2014 scattate dalla GoPlo montata sul petto di Dalen

This slideshow requires JavaScript.

BEVILONGA 2014

Grande vittoria di Piero Turra ieri alla Bevilonga 2014 tenutasi a San Martino di Castrozza.

Organizzazione impeccabile come al solito

piero turra winner
piero turra winner

La gara si è corsa sotto una piaggia torrenziale che scsendeva sia dal cielo (sotto forma di acqua) che dai bicchieri (sotto forma di brulè).

Come sempre è incerto il numero degli arrivati, come è incerto il numero dei caduti in battaglia.

E’ interessante notare come, ad intervalli di 7 anni esatti, alcuni veterani cedano di schianto dopo la gara.

Alcune foto della gara sono diponibili qui.

percorso bevilonga 2014
percorso bevilonga 2014

GARDA TRENTINO HALF MARATHON 2014

Ieri, domenica 9 novembre 2014, si è disputata la 13^ edizione della Garda Trentino Half Marathon. Al via si sono presentati 4202 atleti, record di partecipazioni per questa gara.

garda trentino half marathon
garda trentino half marathon

La vittoria va la keniano Kimeli Hosea Kisorio in 1h04’29”, mentre tra le donne vince la tedesca Andrea Diethers in 1h19’19”.

Poco gloria per le skodeghe che vedono come miglior rappresentante Manuel Negrello, ventesimo assoluto in 1h13’03”. Dopo la gara Manuel dichiara di aver corso solo 6 volte dall’inizio di ottobre al giorno della gara. Non è dato sapere se questa sia solo una scusa per giustificare il suo peggior risultato in carriera nella mezza maratona o se corrisponda al vero. Nonostante questo dubbio molte persone si sono complimentate con Manuel dopo la gara, d’altronde con un tempo del genere si fa sempre bella figura.

L’altro Manuel, Manuel ‘The President’ Simoni arrivava da una settimana ricca di impegni che lo hanno distratto dalla rifinitura finale prima dell’evento. Il suo obiettivo era chiudere la gara sotto l’ora e venti minuti ma la stanchezza accumulata non gli ha permesso di mantenere il ritmo che si era imposto. Ad intervalli regolari di 5km Manuel cala di circa 10 secondi al km passando da 3’40″/km a quasi 4’20″/km nel finale. Chiude con il tempo di 1h25’53” e queste sono le sue parole dopo l’arrivo “Ragazzi, questa è la seconda disfatta del 2014, dopo la disfatta di Stoccolma, oggi abbiamo assistito alla disfatta di Riva del Garda”.

Dalen porta a casa una prestazione regolare chiudendo in 1h26’22”, il più grande rammarico però è il non essere riuscito a raggiungere il compagno di squadra Manuel Simoni che versava in pessime condizioni poco avanti a lui. Purtroppo il percorso tortuoso degli ultimi 3km non perrmetteva grande visibilità e quindi il ricongiungimento è fallito. Certe occasioni capitano molto raramente, per questo andrebbero colte al volo.

Alberto corre in compagnia di Dalen per circa 14-15 km ma poi si spegne la luce e deve concludere la gara riducendo il ritmo. Alberto chiude in 1h30’39”.

Claudia tornava alle mezze maratone dopo i 21km di Vienna ad inizio 2013. La preparazione effettuata non è sicuramente all’altezza del 2013 e le aspettative sono ovviamente minori. L’obiettivo è di chiudere tra l’ora e 45 minuti e l’ora e 50′. Claudia ferma il cronometro 1h47’32” esattamente al centro dell’intervallo preventivato.

L’organizzazione della Garda Trentino Half Marathon è stata ottima, nonostante il gran numero di concorrenti non abbiamo assistito a code o ritardi di alcun genere. Un complimento agli organizzatori.

NEXT UP: GARDA TRENTINO HALF MARATHON

Domenica prossima prenderà il via la 13^ edizione della Garda Trentino Half Marathon.

La gara vedrà al via oltre 4000 atleti tra i quali ci saranno alcune skodeghe.

Le skodeghe al via

Dopo la delusione della Stockholm Marathon Manuel ‘The President’ Simoni e Dalen tornano a correre nelle gare che contano ma su distanza dimezzata giusto per limitare i rischi.

Al via sarà presente anche una skodega illustre: tale Manuel Negrello che da una vita cerca di percorrere i 21km sotto il muro dell’ora e dieci minuti, che sia la volta buona? [difficile].

Anche Claudia sarà della partita al rientro alle gare dopo un periodo di pausa forse troppo prolungato.

Ci vediamo alla  Garda Trentino Half Marathon!

LA DISFATTA DI STOCCOLMA

Come annunciato sabato scorso Manuel e Dalen hanno preso il via alla Stockholm Marathon.

Entrambi partivano con l’obbiettivo del personale.

dalen_stockholmAlle ore 12.00 parte la gara, Dalen si mette in coda dei pacemakers delle 3h sperando di rimanere con loro fino in fondo. Ma le sensazioni non sono buone, già intorno al 15° km comincia a perdere metri e il ritmo rallenta. Poco prima del passaggio alla mezza maratona si spegne la luce, nel giro di 2km passa da un ritmo di 4’20” al km a 5’10” al km. La maratona si trasorma in una prova di determinazione, correre la seconda mezza in quelle condizioni non è facile. Al 23° Dalen pensa al ritiro, i taxi cittadini offrono il passaggio all’arrivo gratuitamente, perchè non approfittarne? Semplice, perchè fino al 29° km si corre in un parco e li i taxi non passano. Quindi avanti a correre!

Il ritmo continua a calare, al 35° km si sfonda il muro dei 6′ al km e le pause per stretching sono d’obbligo ogni due km!

Molto molto lentamente Dalen si avvicina allo stadio dove è posto lo striscione d’arrivo e finalmente riesce a concludere la maratona in 3h30’48” circa 31′ in più rispetto a quanto preventivato.

manuel_stockholmManuel parte regolare leggermente sopra il ritmo pianificato vista la durezza del percorso. Anche lui poco dopo la mezza maratona è costretto a rallentare il ritmo ma fino al 30° km non incontra grosse difficoltà.

Al passaggio del 30°km si le energie lo abbandonano, all’improvviso si trova a correre a 5’30” al km quando fino a poco prima girava a 4’15”. Qui cominciano i 10km più duri nella carriera di Manuel, anche lui viene tentato dal pensiero del ritiro ma tiene duro. Al 35° comincia a girarsi pensando che Dalen arrivi da un momento all’altro (non sapeva che il compagno di squadra versava in condizioni simili). Il passaggio al 40° km rinvigorisce Manuel che aumenta il ritmo e quanto meno riesce a chiudere sotto le 3h10′ in 3h08′.

Il commento a caldo dei due è unanime:

‘ Basta, questa l’e l’ultima ‘ (Basta, questa è l’ultima)

Ma da voci di corridoio e rumors vari sembra che ci stiano già ripensando.