CAMPIONATO ITALIANO SKYRUNNING: ATTO PRIMO

E' iniziata già da qualche settimana la stagione dello Skyrunning, ma da oggi è partito ufficialmente il Campionato Italiano Skyrunning 2009. Nove prove valide per la classifica finale.

Primo stage a Paluzza, nella terra degli olimpionici. Oltre alla presenza annunciata di Nicola, ai nastri di partenza si è schierato anche Dalen, iscritto all'ultimo minuto per una strana voglia di corsa che lo ha convinto alla trasferta.

Partenza da Mezzano alle 4.50 del mattino, dopo quasi tre ore si giunge in zona gara. L'altimetria fa da subito paura, in particolare il passaggio sul Pal Piccolo (denominato successivamente anche Cerro Torre e Pao en te 'l cuo) che attira l'attenzione di Dalen con una sarcastica frase che scombussola gli animi più nobili "Me sa tant che quel Pal Piccolo mel sentirò tut su par el …".

Dopo un breve, brevissimo riscaldamento parte la gara. I soliti davanti battagliano per le posizioni di testa, un po' più indietro Nicola cerca di tenere il passo, Dalen si lascia defilare, sicuro di una grande rimonta finale (i "birilli" posti negli ultimi 200 metri sicuramente lo scateneranno… Maggiori info su questa storia dei birilli a dalen@skodeg-o.com oggett: parlaci dei birilli).

Dopo circa due ore di gara Dalen si rende conto di non essere ancora andato in crisi (la prima volta che arriva a queste distanze senza saltare) e fa di tutto per rimediare facendo un temibile allungo su una vera e propria rampa di scalini che gli da subito i primi segni di cedimento neuromuscolare. Ma il Dalen non molla e dopo aver attraversato scale e trincee si butta in picchiata verso l'arrivo. La faticaccia non porta un buon risultato (4 donzelle davanti a lui) ma la soddisfazione di aver evitato la crisi è più forte della fatica. Chiude 44° in circa 3 ore e mezza.

Per Nicola la gara dura mezz'oretta di meno, ma la fatica è la stessa, se non addirittura maggiore. Infatti dopo mezz'ora di riposo in macchina inizia la crisi che gli farà passare una delle ore più brutte della sua vita.. fantasmi verdi e UFO gli invadono la mente, e solo grazie ad una flebo di polenta si riprende. Il 9° posto finale è soddisfacente.

Durante il ritorno i nostri due eroi (pardon, skodeghe) si rendono conto di dover abbandonare ogni idea di conquistare il mondo, almeno per oggi, vista la stanchezza e i crampi che attanagliano la muscolatura degli arti inferioi.

Sul ritorno c'è tempo per un Mc Chiken dal signor Donald che per l'occasione ammazza la bestia più in carne che ha nella stalla.

Prossimo appuntamento a Stava, il 28 giugno. Voci dicono di un ZP in preparazione della Dolomites Skyrace, e di un Oli Paolo Brusakristtu sicuramente presente!! Sarà un skodeg – meeting!


5 thoughts on “CAMPIONATO ITALIANO SKYRUNNING: ATTO PRIMO”

  1. provate ad immaginarvi seduti su una banchetta, guardarvi attorno mentre Joe di Maggio vi pesta le gambe con una mazza da baseball….ecco io mi sento cosàƒÃ‚¬ ora!

  2. Dalen… tra le 4 donzelle c’àƒÃ‚¨ anche mia cucina… come àƒÃ‚¨ possibile???

Comments are closed.