QUALIFICAZIONE WOC 2011, SI VA AI SUPPLEMENTARI

Quello che era considerato praticamente inpossibile da tutti i pronostici di ieri pomeriggio, si è avverato. La burla è servita all'allenatore della nazionale Jaroslav Kakmarcik, che avrà più di un problema a ufficializzare l'elenco dei convocati del mondiale francese riempiendo la casella mancante relativa al terzo atleta che prenderà il via alla prova sprint.

Ma cominciamo dall'inizio. Oggi erano in programma due gare sprint aperte agli atleti della nazionale di corsa orientamento per stabilire chi si sarebbe meritato il pass per la prova sprint dei mondiali francesi (ricordiamo che Marco Seppi ed Alessio Tenani erano già precedentemente qualificati). Atleti papabili alla vigilia erano sicuramente Manuel, Gian e Andrea Seppi. Purtroppo Andrea è uscito dai giochi quasi subito, causa alcuni fastidi al piede e una lettura di carta non proprio fluida come qualche anno fa (non che quella di Gian e di Manuel sia molto meglio, però…).

Nella prova mattutina, tenutasi a Borgo Valsugana, Manuel conduce la sfida tutta arancione precedendo di soli 4'' Gian e segnando il secondo miglior tempo dietro Alessio con il tempo di 24'00''; ma c'è ancora tempo per il ribaltone, e dopo aver visto il mitico Cadel Evans trionfare ieri si sa che non è proprio impossibile recuperare un distacco abissale.

Ciò nonostante, Manuel decide di cercare di amministrare il vantaggio nella gara del pomeriggio, a Villazzano. Questa volta il percorso è tecnicamente molto più difficile di quello veloce della mattina e Manuel infligge pesanti distacchi a Gian nella prima parte di gara. Nella facile risalita verso l'arrivo, però, l'atleta di Mezzano accusa la pressione e cede fisicamente, concedendo secondi importanti a Gian che recupera. Il tempo finale di Gian (17'35'') è di soli 4'' inferiore a quello di Manuel, portando quindi la somma dei tempi delle due gare in perfetta parità, dopo 40 minuti… Le classifiche complete sono disponibili sul sito della FISO.

L'improbabile prestazione degli atleti primierotti pone quindi un grosso interrogativo sul pass. Per risolvere il tutto si è deciso che la soluzione è giocarsi il tutto a birra e salsiccia. Che dire… Che vinca il migliore!