CREMONA FA SORRIDERE L’ATLETICA

I trevisani in gara alla 10^ Maratonina Città di Cremona

Si è corsa domenica 16 ottobre la 10^ Maratonina Città di Cremona, valevole come Campionato Italiano e prova dei Campionati Societari sulla classica distanza di 21097m. Una partecipazione record con oltre 3000 concorrenti provenienti da tutta Italia e una giornata climaticamente perfetta hanno regalato una delle mezze maratona con livello più alto registrato nella stagione 2011 in tutta Europa. Molti gli atleti che hanno ottenuto il personal best sulla distanza, avvantaggiandosi anche dei numerosi treno formatosi durante tutta la gara, che soddisfavano ogni tipo di esigenza cronometrica, oltre che, come già accennato delle strepitose condizioni meteorologiche (bassa uidità, fresco e assenza di vento).

Dopo una lotta esaltante per la testa della corsa durata fino agli ultimi metri, l'ha spuntata in volata il forte atleta keniano Kipkemei Chirchir Eric in 1.02.17 (ritoccando di una ventina di secondi il record del percorso), che precede di 4 soli secondi l'inossidabile Mark Bett. Primo italiano e vincitore del titolo l'aviere Francesco Bona che chiude la gara in settima posizione con il tempo di 1.03.52 allungando su uno straripante nono classificato Migidio Bourifa, che raccoglie ancora grosse soddisfazioni da incorniciare insieme alla vittoria nella categoria master, con tempone, della chiacchieratissima Boston Marathon 2011.

Gian chiude in un ottimo 22^ posto in 1.06.02 portando a casa il primato personale e conducendo una gara molto regolare in testa ad un gruppo di inseguitori che lascia buone sensazioni in vista dell'ultimo mese di preparazione per la Maratona di Torino. Presente anche l'atleta della forestale Alessio Tenani che, nonostante la penalizzazione della partenza (non ha potuto beneficiare della prima griglia riservata ai top runner), abbassa il suo personale chiudendo in 111^ posizione con il tempo di 1.12.38.

Tra le donne vince la portacolori dell'esercito (atleta dalle tre nazionalità) Nadia Ejjaffini ritoccando il record italiano femminile sulla distanza in una gara che ha visto tutte le atleti più forti nel panorama nazionale delle corse su strada ai nastri di partenza. Per comprendere il livello della manifestazione, che si può tranquillamente dire possa far sorridere la FIDAL quanto a partecipazione e qualità del lotto partecipanti, basti pensare che con il tempo di 1.10.00 si avrebbe ottenuto una 78^ posizione di consolazione… Detto questo, personalmente mi assumo la responsabilità di dire che, probabilmente, un controllo federale avrebbe sicuramente reso più attendibili alcuni dei risultati cronometrici conseguiti dagli atleti. Controllo che, ovviamente, all'arrivo non c'era.

Le classifiche complete sono disponibili al seguente link.

Oggi intanto si è corso un altro appuntamento con la grande atletica (nazionale): la 26^ Venice Marathon. Aspettiamo un commento da Hawk, con il numero 384, che ha chiuso in maniera più che dignitosa (classifiche e intertempi) quella che lui stesso ha definito una "magra" stagione delle Sky Races. Gian invece, con il numero 26, ha colto l'occasione per svolgere l'ultimo lungo di circa 30km della sua preparazione per Torino. Presente anche l'assessore prestigioso Manuel Simoni che però, almeno da quanto si può vedere su Internet, ha dovuto affrontare una crisi non indifferente nella parte finale di gara.