TIOMILA 2009

100921042009p1000870

Come per partecipare ad una semplice coppa italia in Lombardia lo skodeg-o team parte per la tiomila 9 ore prima del lancio, arrivati alla zona arriva resta solo il tempo per montare la tenda prima di veder partire la gara.

Si preannuncia una sfida spalla a spalla tra skodeg-o e gli amici dell Erebus Vicenza.

Per noi apre le danze Aaron, non una buona frazione per skodeg-o che perde oltre 20′ dai rivali veneti.

In seconda frazione parte Carlo che deve fare i conti con una caviglia slogata la sera prima di ritorno da una partita di calcetto. Dopo pochi istanti di gara Carlo si accorge che il suo problema non è la caviglia, ma la tecnica orientistica probabilmente lasciata troppo in soffitta a prendere polvere in soffitta. Risultato altri 29′ da mettere nello zaino del ritardo.

Beppe Bezzi aspetta Carlo per quasi un’ora partendo così, con un’ipotermia diffusa sul 74% del corpo, nonostante questo riesce a recuperare 3 minuti sull’Erebus Vicenza.

Beppe scende nell’arena e da il cambio a Stefano CRS Cristellon; a Stefano piace molto il bosco svedese, per questo ha scelto la frazione più lunga, la langa natta, per questo a deciso di rimanere in gara quasi 3 ore. Così skodeg-o riempie per bene lo zaino con i minuti di ritardo che diventano 70 tondi tondi!

Ma ZP, il veterano della situazione, tira fuori il coniglio dal cappello, dopo essersi addormentato sul tabellone delle cartine aspettando Stefano parte in quarta e stacca un tempo che ricorda le sue gesta degli anni passati, skodeg-o recupera così oltre 20 minuti sugli amici veneti e comincia a sperare nel sorpasso!

 

101021042009p1000858

Pin Roland non si aspetta una tale prestazione di ZP arrivando in ritardo al cambio, le urla disumane del cuoco solandro però richiamano subito il nostro 6° frazionista che parte senza problemi. Una gara pulita per il produttore di lettini da massaggio che riesce a limare altri 7′ alla squadra vicentina. Ora skodeg-o comincia a crederci anche se le cartucce migliori sono state già  sparate.

Vincenz non è al meglio della forma ma porta a termine la frazione senza grossi problemi perdendo solo 4′ dai vicentini.

Gli ultimi 3 frazionisti di skodeg-o partono con il lancio dei ritardatari, un fatto di cui non andiamo molto fieri… Giovanni Joe Sonna è il primo dei 3 a tornare dal bosco portando a termine i suoi 7km in 52 minuti e perdendo un minuto dal collega dell’Erebus.

Dalen conclude la sua frazione 6 minuti prima di Mariano Bigarella, 10° frazionista vicentino.

All’arrivo si sentono commenti del tipo:”se Tuzzi riuscisse a recuperare 40 minuti in 6km potremmo riuscire a battere l’Erebus!”..I sogni si infrangono quando scopriamo che il 9° frazionista Erebus ha rifilato la bellezza di mezz’ora al nostro Tuzzi.

Ecco la tabella dei tempi delle 2 squadre:

Nome Tempo Nome Tempo
            Aaron Gaio
            01:45:24
            Tom Herremans
            01:24:28
            Carlo Cristellon
            02:02:21
            Antonio Franco
            01:33:05
            Giuseppe Bezzi
            01:07:20
            Cristian Bellotto
            01:10:04
            Stefano Cristellon
            02:54:27
            Michele Franco
            02:34:19
            Marco Bezzi
            56:44
            Simone Gambini
            01:17:34
            Roland Pin
            01:10:05
            Dario Stefani
            01:17:38
            Vincenzo Crippa
            01:20:04
            Cosimo Guasina
            01:16:04
            Giovanni Sonna
            54:22
            Alberto  Simionato
            51:11
            Fabio Dalla Riva
            01:22:25
            Andrea  Furlani
            53:51
            Daniele Orler
            01:20:39
            Mariano Bigarella
            01:26:32
Totale
            14:53:51
Totale
            13:44:46

 

 

100821042009p1000872

IMPOSSIBLE IS NOTHING

La frase divenuta famosa grazie al marchio sportivo Adidas si presta perfettamente a descrivere ciò che 10 skodeghe si apprestano ad affrontare in questo week end di Aprile. Come tutti gli orientisti (e non) sanno, questa notte partirà  la 10mila, una delle staffette pi๠conosciute e importanti dell’orienteering, alla quale partecipano tutte le squadre pi๠competitive del mondo orientistico e tutti gli atleti a livello internazionale. Ovviamente, parlando delle squadre pi๠competitive, si può facilmente dedurre che anche Skodeg-o parteciperà  con 10 top-runners!
Correre la 10mila come da prassi, ossia andare in Svezia qualche giorno prima per qualche allenamento e tornare riposati il lunedଠin Italia, era però per il nostro team qualcosa di troppo ordinario; da quଠil titolo di questa news. I nostri atleti infatti hanno preso il volo per Copenhagen nientemeno che questa mattina e, dopo aver corso la staffetta (se riusciranno a correrla), torneranno in Italia domani sera. Un po’ come se si trattasse di una comunissima gara di Coppa Italia insomma…
Mi sembra che non sia il caso di aggiungere altro, a parte un “in bocca al lupo” a tutte le skodeghe che correranno la 10mila e, per sportività , agli “avversari” del team Erebus Vicenza.

CORSA SU STRADA: OSPEDALETTO 2009

Si è disputata ieri pomeriggio, nel giorno di Pasquetta, la tradizionale gara di corsa su strada del Trofeo delle Casse Rurali della Bassa Valsugana. Percorso estremamente faticoso quello di Ospedaletto (paese nei pressi di Borgo Valsugana) considerando il tipo di gara, tracciato interamente all’interno del centro storico con molte salite e discese secche per un totale di 5500 metri contornato da un pubblico numeroso e entusiasta. Nonostante la difficoltà del percorso, nulla ha impedito al gruppo di battistrada keniano di scendere agilmente sotto il muro dei 3 minuti al km, anche se, a dispetto del pronostico, il primo atleta giunto al traguardo non è riuscito a battere il record del percorso per un soffio. Alla gara han preso parte ben tre orientisti: Carlo Rigoni, Eddy Sandri e Giancarlo Simion.
Passando alla cronaca della gara, vince il keniano Kipkunyor Mark Bet, dell’Assindustria Padova, detentore del primato mondiale dei 5000 metri indoor nonchè uno dei più grandi atleti keniani della storia, classe 1976 in 15’35”, precedendo di pochi secondi due connazionali. Il primo italiano, Giovanni Gualdi (G.S. FF GG) giunge al traguardo quarto confermando il buono stato di forma dimostrato negli ultimi tempi. Buona la prova di Giancarlo Simion (Jager Vittorio Veneto), sesto battendo in volata lunga Gil Pintarelli (G.S. Valsugana) e secondo degli italiani a 30 secondi dall’atleta delle Fiamme Gialle. Degna di nota la prova del “vecchietto” Carlo Rigoni (Atletica Trento), giunto decimo, che non demorde e si mostra ancora molto competitivo su questo tipo di percorso.

Ecco li link all’articolo della gara tratto da www.ladige.it, dove sono presenti anche le classifiche ufficiali della manifestazione.

100KM PASSO CEREDA

Solitamente a conclusione della stagione di sci nordico si festaggia, per i risultati, per aver finalmente portato a termine le fatiche. Ma c’è chi non avendone abbastanze decide di percorrere 100km sulla pista di Passo Cereda, famosa per le sue lunghe ed erte salite.

I due eroi in questione sono Bruno Debertolis e Agostino ‘Giustin’ Zortea.

Partiti questa mattina alle 10.30, temperature primaverili (14°) e neve che fa passar la voglia di sciare.

Dopo 50km Giustin accusa dolori dovuti ai crampi e decide di fermarsi, mentre Bruno continua. All 85° km cominciano i crampi anche a Bruno ma riesce a portare a termine l’impresa: 101km in 5h57′ !

Complimenti ora si può finalmente festeggiare!