JUKOLA 2010: SKODEG-O CHIUDE IN 290^ POSIZIONE

Skodeg-o partecipa per la seconda volta alla staffetta da 7 frazionisti in terra finlandese.

La trasferta comincia da Tampere dove buona parte della squadra si condece una breve visita alla città prima di unirsi al resto del gruppo ad Helsinki.

Prima notte trascorsa in un ostello ricavato sotto la curva nord dello stadio olimpico di Helsinki, stadio che ha consacrato Paavo Nurmi come uno dei corridori migliori al mondo.

Sabato pomeriggio i nostri atleti si spostano a Kytäjä, teatro della Jukola. Durante la gara delle donne (Venla) si recuperano pettorali ed informazioni varie, ci si rende conto che il terreno è molto sporco e non si può sviluppare una gran velocità. Inoltre il maxischermo mostra scorci di cartina che sembrano essere veramente tecnici. Christine partecipa alla Venla con una squadra mista, corre l'ultima frazione. La gara non la soddisfa molto causa un errore a metà gara. Ma avrà modo di rifarsi in quanto l'anchor man di skodeg-o, ZP, non si è ancora ripreso dall'infortunio rimediato a Paluzza e preferisce cedere all'atleta sudtirolese la sua 5^ frazione.

Marco ZP Bezzi è molto deluso di non poter correre, si sfoga con un fiume di impregazioni 'rurali'.

 

 

 

 

 

 

La sera si avvicina e Manuel è pronto per dare il via all'avventura. Massstart con 1500 corridori, come al solito manuel sbaglia treno e perde circa 10' i primi 5 punti, poi decide di correre da solo e comincia la rimonta, da il cambio a Ingemar al 153° posto. Il meccanico di Bolzano non riesce ad entrare in carta, commettendo molti errori in zona punto, come già detto la carta è molto tecnica e la visibilità è scarsa. Dopo oltre due ore da il cambio a Carletto in 395^ posizione, la mente della squadra. Forte della sua esperienza si fa portare ai punti dai suoi amici 'sauriccioni', preso dall'euforia si mette a fare il ritmo ma di notte è dura andare sicuri ai punti cos' si ferma 100 metri prima di un punto e prima di accorgersi dell'errore trascorrono 15 minuti buoni. Il resto della gara di Carlo non è male e dà il cambio a Tommy in 375^ posizione.

Tommy parte a manetta, a 2 km dalla fine ha già recuperato quasi 100 posti, ma gli ultimi due puntim presentano il conto e l'atleta primierotto lascia nel bosco circa sette minuti. La sua frazione è comunque molto positiva cosi lancia christine in 309^ posizione.

Christine ha già un'idea di cosa l'aspetta avendo corso poche ore prima nella Venla. La sua frazione riporta skodeg-o sotto i 300, esattamente in 281^ posizione.

Ora tocca a Dalen, la usa stagione fin qui è stata un disastro, e il trend continua anche alla jukola, molto indeciso nel bosco finlandese perde minuti su minuti cosi skodeg-o parte per l'ultima frazione in 313^ posizione.

Cristiano deve partire con il lancio dei settimi frazionisti. La sua buona condizione gli permette di condurre la gara nei treni che non sbagliano. Riesce a riportare skodeg-o tra i trecento, così skodeg-o chiude in 290^ posizione.

La gara è vinta dal Halden suò Kalevan Rastii e sul Lynx.

Olli-Paolo porta la sua squadra tedesca al 459° posto. Risultati ufficiali

Come vuole la tradizione finlandese il dopo gara prevede il recupero delle forze con sole e lapin kulta.

Il pomeriggio manuel, Inge e christine ritornano in Italia, mentre gli altri si rifugiano in un bar messicano di helsinki per seguire la partita (molto deludente) della nazionale contro la Nuova Zelanda.

Durante il ritorno in aereo già si pensa alla prossima trasferta di skodeg-o che verosimilmente sarà l'Oringen 2011.

TUTTO PRONTO PER LA SECONDA JUKOLA

Venerdì mattina il team skodeg-o partirà alla volta della Finlandia per partecipare alla famigerata Kytäjä-Jukola 2010. Unica staffetta italiana al via tra le 1553 presenti, l'obbiettivo è migliorare la 441esima posizione del 2008, per riportare alla mente quelle epiche gesta leggetevi il resoconto redatto dall'abile profeta in terra teutonica Olli-Paolo Brusakkristu.

Il team sarà arrichito di una new entry: Cristiano 'juju' Deagnoi, atleta veneto addottato però dalla società solandra GS MonteGiner, a lui sarà affidata l'ultima frazione, la più lunga.

Alla staffetta parteciperà il sopracitato Olli-Paolo ma questa volta, vista la sua cosmopolità (ricordiamo una blodslitet corsa come finlandese), correrà per una squadra tedesca.

E' tempo di presentare la formazione di skodeg-o, il ct ha deciso per un 1-3-3 mettendo la punta subito al lancio e lasciare al resto della squadra l'opera di difesa del risultato.

Manuel Negrello 9.8km –  imbrunire/notte – tempo migliori 67'
Ingemar Neuhauser 10.0 km –  notte – tempo migliori 73'
Carlo Cristellon 11.3km – notte – tempo migliori 83'
Tommy 'Orion' Scalet 6.9km – albeggio/giorno – tempo migliori 48'
Marco 'ZP' Bezzi 6.9km – giorno – tempo migliori 46'
Daniele 'Dalen' Orler 9.3 – giorno – tempo migliori 62'
Cristiano 'JuJu' Deagnoi 13.3km – giorno – tempo migliori 86'

 

 

Non ci resta altro che augurare buona fortuna alla squadra!

Seguirà il resoconto della trasferta

 

INTERNATIONAL SKYRACE CARNIA: I VECCHIETTI SI DIFENDONO BENE!!

Si è corsa ieri, 13 giugno, la quarta prova del Campionato Italiano Skyrunning 2010 sulle splendide montagne della Carnia. E anche quest'anno una folta delegazione primierotta (dopo il sopralluogo del 2009, vedi news) si è avventurata su queste cime dove si sono consumate numerose sanguinose battaglie per la conquista del territorio italiano.

Al via quest'anno si sono presentati Michele Tavernello Tavernaro, Claudio Dach Bettega e Nicola Hawk Giovanelli; tutti e tre con ambizioni di vittoria.. Ambizioni subito ridimensionate visto l'elenco iscritti.. quindi obiettivo era finire la gara tutti interi.

Ecco la cronaca della gara: alle ore 9 quasi 250 atleti prendono il via da Timau, vicino a Paluzza e si avventurano all'attacco della prima salita verso il Monte Floriz. Sulle prime rampe prende il largo il portacolori dell'Aldo Moro Paluzza Tadei Pivk che farà gara solitaria fino alla fine, chiudendo con ben 7' di vantaggi sul secondo, Luca Miori. Dopo un'ora circa di gara tutti i migliori sono sulla cresta del Floriz, con Dach che succhia le ruote ai compagni di fuga e Michele staccato di un paio di minuti. Nicola insegue già a circa 5' da Michele (distacco che terrà fino alla fine). Inizia la prima discesa, il nostro veterano deve tirare i freni (giunture e muscoli patiscono il passare degli anni e lo costringono a lasciar recuperare chi è dietro) e all'inizio della seconda salita,verso il mitico Pal Piccolo (salita ben nota a Dalen) Michele è arrivato alle calcagna del nonnetto di Tonadico che forza il ritmo recuperando nuovamente qualche minuto. Allo scollinamento le posizioni sono delineate con Dach che va a chiudere con un ottimo 5° posto finale e Michele 9°. Per Nicola un discreto 16° posto, meglio delle prime due gara, ma ancora lontanissimo dalla forma ideale.

Prossimo appuntamento di rilievo la Stava Skyrace e poi il mondiale team alle Orobie Skyraid.

Le classifiche sul sito aldomoro.it

I° RESEGUP: DOMINANO I LECCHESI

Nella prima edizione della "skyrace di Lecco" dominio degli atleti di casa con Stefano Butti che si impone sul sempreverde Massimo Colombo e sul neo-acquisto del gruppo Altitude Paolo Gotti.

Gara spettacolare, con partenza e arrivo nel centro di Lecco (240 m), che prevedeva l'ascesa del Monte Resegone (1.877 m) con successiva picchiata verso il lago.

La gara è partita alle ore 16, sotto un sole infernale e con una temperatura ben oltre i 30°. Subito al comando si sono portati gli atleti di casa con il nostro Nicola appena dietro che però ha lasciato la compagnia appena è iniziato il tratto ripido. Dopo circa mezz'ora di gara il caldo ha iniziato a fare selezione (più della salita) e molti hanno dovuto fermarsi nei (non certo numerosi) ristori.

Al momento dello scollinamento, in un bagno di folla, Nicola era a circa 10' dalla testa della gara, inseguito di un paio di minuti dal bravo Daniele Meneghel.

La prima picchiata, discesa molto tecnica, ha visto il nostro atleta recuperare un paio di posizioni dopo di che si è spenta la lucina nonostante il sole alto nel cielo!

A metà discesa ha dovuto tirare i remi in barca, in preda ad una crisi di fame mista a caldo che non si era mai vista; superato da Daniele (che chiuderà in 22° posizione),il nostro falco si è lasciato trasportare per inerzia  fino all'arrivo, chiudendo al 34° posto… e qui è iniziato il calvario!!

Giramenti di testa, sforzi di vomito, mal di pancia, cali di pressione e chi più ne ha piu ne metta, hanno messo ko il nostro skyrunner che per alcuni minuti ha visto aprirsi le porte del paradiso… La ripresa è stata lenta ma costante e dopo un'ora e mezza è riuscito a camminare e muoversi autonomamente!

Nonostante la grande crisi resterà una gara da ricordare e, se verrà cambiato l'orario di partenza, da ripetere. Poche volte infatti capita di vedere cosi tanta gente lungo tutto il percorso! In particolare l'ultimo km di gara era un corridoio umano! Un'emozione unica, che ha permesso a quasi 300 atleti di completare questa prima edizione!

Unica nota storta…le docce gelate!!!!

Le foto sono qui , qui e qui

Le classifiche invece le trovate qui

COPPA ITALIA PALUZZA: RIGONI TORNA ALLA VITTORIA

4^ prova della coppa italia, distanza middle: questa la gara iorganizzata dal Friuli MTB oggi a Paluzza. Temperature asfissianti e cartina con molti muretti e verde.

Mancano i favoriti impegnati ai campionati europei. I papabili per la vittoria sono Marco seppi, daniele pagliari e l'inossidabile Carlo Rigoni.

La vittoria si gioca sul filo dei secondi, grazie ad un finale molto fisico nel centro abitato, Carlo riesce a precedere di soli 10'' Marco, terzo conclude Roberto 'Truffa' Dallavalle. Da segnalare la buona prestazione di Carlo Cristellon che chiude al 7° posto. Bomba e Dalen devono accontentarsi delle retrovie, se per Dalen ormai questa è la prassi a Stefano detto el bomba va stretta la 17^ piazza finale e molto larga l'ora netta che ha impiegato per cgiudere la performance.

Tra le donne vince, anzi, stravince Christine Kirchlechner ('Church' per gli amici) davanti a Federica maggioni e Mary Crippa.

Il plurimedagliato olimpico Giorgio Di Centa ha premiato le categorie elite, altra nota positiva di gironata è stato il rientro alle gare di Andrea Seppi.