TRAIL DEGLI EROI: NICOLA SI RICONFERMA

A un anno esatto dall’infortunio Nicola torna sul gradino più alto del podio; una bella soddisfazione per il nostro atleta, che dopo aver ripreso gli allenamenti a giugno è riuscito, nel giro di pochi mesi, a raggiungere un livello di forma che gli ha permesso di ripetersi su una delle gare che ama di più.

LA CRONACA DELLA GARA

Alle 6.00 si parte sotto una pioggia intensa, ma la prima parte nel bosco permette agli atleti di stare riparati. Al primo ristoro a Campo Croce, dopo un’ora di gara, passano in 5: Giovanelli, Moretton, Toscan, Zanatta e Caverzan. Immediatamente dopo il gruppo si sgrana, con Toscan e Caverzan che perdono qualche metro dai compagni di viaggio. Si sale regolari, quest’anno, al contrario dell’anno scorso, nessuno tenta l’impresa da lontano, e questo permette di mantenere un ritmo più tranquillo.

QuandoMAG_6307 si esce dal bosco, sotto Cima Grappa, sono sempre in tre al comando. La fitta nebbia e la pioggia battente non permettono di valutare il distacco sugli altri. In cima Grappa passano in tre al comando con circa 2’ su Caverzan e Toscan. A 7-8’ passa Ruzza, Saba e Bertelle.

La gara sembra che si debba decidere tra i primi tre. Che presto resteranno in due, visto che Moretton, colto da una crisi di freddo dovrà fermarsi.

Al ristoro del Finestron, dopo circa 28 km sono sempre Giovanelli e Zanatta a guidare la gara. E’ poco dopo che Nicola prova ad allungare su un tratto di sentiero tecnico. Zanatta non tiene il passo e da qui Nicola resterà sempre al comando, gestendo al meglio il vantaggio nell’ultima discesa e chiudendo la gara in 4h26’, solo 4’ in più dello scorso anno.

Da dietro c’è una grande rimonta di Ruzza, che a poche centinaia di metri dall’arrivo va a scavalcare Zanatta e chiude secondo in 4h36’, così come Zanatta, che mantiene un posto sul podio. Al quarto posto Toscan, a meno di 2’ dal secondo posto e pochi secondi dietro Caverzan.1208613_596502613745969_1046821125_n

Come previsto quindi una gara combattuta, con 3 a giocarsi la vittoria fino a 10 km dall’arrivo e molti a combattere per il podio.

All’arrivo brindisi con il campione del mondo Marco Degasperi.

Nonostante sia solo la terza edizione il Trail degli Eroi si conferma una gara di alto livello organizzativo, praticamente tutto perfetto, nonostante le condizioni meteo a momenti impossibili!

Pos.

ARRIVO

Pos.

CIMA GRAPPA

GIOVANELLI NICOLA

1

4:26:27

2

1:49:19

RUZZA STEFANO

2

4:36:23

7

1:57:16

ZANATTA ANDREA

3

4:37:23

1

1:49:18

TOSCAN SAMUELE

4

4:38:11

5

1:53:13

CAVERZAN FABIO

5

4:38:24

4

1:52:28

 

1380698_10151724979031888_728627143_nLe classifiche complete su wedosport

Qui alcune foto Sportdimontagna

Qui alcune foto “ufficiali”

Qui il video dell’intervista post gara

TRIATHLON DI LAVARONE

Dopo un agosto molto caldo ricomincia la stagione dei triathlon.

Si riparte da Lavarone per un inedita edizione del triathlon sprint.

L’idea di partecipare a questa gara parte da un insospettabile Mic Franco che con una telefonata in veneto stretto (“ciò go visto che ghe xè sta gara de triateon a Lavaròn, se catemo là a farla”) convince subito sia Dalen che Stefano “el Bomba” Cristellon.

Alla gara parteciperà anche Simone Grassi e così si scopre che gli orientisti che si buttano sul triathlon non sono poi così pochi.

La gara vede al via 300 atleti, 295 dotati di muta e 5 in costume, tra questi 5 temerari si annoverano Mic Franco, Paolo Mutterle e Dario Stefani, che dire, degli eroi!

Dopo la frazione di nuoto “el Bomba” esce con 2′ abbondanti di vantaggio su Dalen che ha sua volta ha oltre 3′ di vantaggio su Mic Franco. Durante la frazione di bici il divario tra Stefano e Dalen si dilata in maniera esponenziale mentre Mic Franco quadagna qualcosa su Dalen. Il percorso presenta una discesa difficile e lo spaghettino veneto per evitare di investire due atleti che si trovano a terra tira dritto ad una curva e si pianta nel bosco riportando escoriazioni a faccia e schiena.

Dopo un minuto di confusione risale in bici e si rilancia in gara. Al cambio con la corsa il divario tra Dalen e Mic Franco è rimasto invariato. Nonostante i dolori atroci Mic riesce ad avvicinarsi a Dalen tanco che all’ultimo giro di boa lo guarda dritto negli occhi e gli dice ‘Rivo!!!’. La promessa viene mantenuta e a 300m dal traguardo avviene il sorpasso.

Nel frattempo Stefano si era già lavato e cambiato.

Simone GRassi chiude la sua fatica circa un minuto prima della coppia Dalen-Franco.

IMG_20130608_151308

classifiche sul sito degli organizzatori: http://www.33trentinitriathlon.com/

TREI VAL SKYRACE: FINALE AL FOTOFINISH TRA ORIENTISTI

fotofinishPrima edizione della Trei Val Skyrace a Pozza di Fassa, e come da pronostico si è rivelata una gran bella manifestazione!

27 km e 2000 m D+ tra Val Giumela, Val San Nicolò  e Val Monzoni, su un terreno molto scorrevole ma comunque impegnativo. Al via molti orientisti, che non si sono fatti attendere e hanno dominato la classifica.

Infatti, dopo un testa a testa durato oltre 2h30′ l’ha spuntata il solandro Roberto Dallavalle, detto Truffa (mai soprannome fu più azzeccato), che ha battuto allo sprint il nostro Nicola Giovanelli, che pian pianino sta rientrando in forma, dopo il 4° posto alla Camignada e alla Calakili e il terzo alla Peschedada. Dietro tutti gli altri, compresi i favoriti Larger e Miori, che hanno provato il forcing nella prima parte di gara.

Ma sono altri gli orientisti al via: ancora nel torpore alcolico del sabato sera si è presentato a sorpresa Paolo Dorigati che ha provato a ribaltare tutti i pronostici… Anche Inge Neuhauser, nonostante un mal di schiena lancinante ha voluto onorare la gara, lasciando lungo il tracciato tutte le unghie dei piedi. Più competitiva la moglie, Christine (omettiamo il cognome per paura di sbagliare a scriverlo) che ha concluso al 4° posto femminile, nonostante fosse il debutto su queste gare!

Qui trovate le classifiche TreiVal skyrace

Qui il comunicato ufficiale, su sportdimontagna