TRIATHLON DI LAVARONE

Dopo un agosto molto caldo ricomincia la stagione dei triathlon.

Si riparte da Lavarone per un inedita edizione del triathlon sprint.

L’idea di partecipare a questa gara parte da un insospettabile Mic Franco che con una telefonata in veneto stretto (“ciò go visto che ghe xè sta gara de triateon a Lavaròn, se catemo là a farla”) convince subito sia Dalen che Stefano “el Bomba” Cristellon.

Alla gara parteciperà anche Simone Grassi e così si scopre che gli orientisti che si buttano sul triathlon non sono poi così pochi.

La gara vede al via 300 atleti, 295 dotati di muta e 5 in costume, tra questi 5 temerari si annoverano Mic Franco, Paolo Mutterle e Dario Stefani, che dire, degli eroi!

Dopo la frazione di nuoto “el Bomba” esce con 2′ abbondanti di vantaggio su Dalen che ha sua volta ha oltre 3′ di vantaggio su Mic Franco. Durante la frazione di bici il divario tra Stefano e Dalen si dilata in maniera esponenziale mentre Mic Franco quadagna qualcosa su Dalen. Il percorso presenta una discesa difficile e lo spaghettino veneto per evitare di investire due atleti che si trovano a terra tira dritto ad una curva e si pianta nel bosco riportando escoriazioni a faccia e schiena.

Dopo un minuto di confusione risale in bici e si rilancia in gara. Al cambio con la corsa il divario tra Dalen e Mic Franco è rimasto invariato. Nonostante i dolori atroci Mic riesce ad avvicinarsi a Dalen tanco che all’ultimo giro di boa lo guarda dritto negli occhi e gli dice ‘Rivo!!!’. La promessa viene mantenuta e a 300m dal traguardo avviene il sorpasso.

Nel frattempo Stefano si era già lavato e cambiato.

Simone GRassi chiude la sua fatica circa un minuto prima della coppia Dalen-Franco.

IMG_20130608_151308

classifiche sul sito degli organizzatori: http://www.33trentinitriathlon.com/

TRIATHLON INTERNAZIONALE DI BARDOLINO

Sabato 22 Giugno si è disputata la 30^ edizione del Triathlon Internazionale di Bardolino gara di triathlon olimpico che ha visto partire quasi 1400 persone.

Tra le skodeghe al via si presentano Dalen e Ivan (probabile nuova skodega), Stefano assente giustificato in quanto impegnato con l’organizzazione di una gara di orientamento.

La partenza è fissata alle 12:30 quando la temperatura supera abbondantemente i 30 gradi. Nella frazione di nuoto (la prima) è vietato l’uso della muta visto il caldo. Per rendere il tutto ancora più interessante il lago è discretamente mosso.

IMG-20130626-WA0000Dopo la frazione di nuoto Ivan ha circa 13 minuti di vanaggio su Dalen che fatica non poco ad uscire dal lago.

Durante i 40 km di bici Dalen riesce a recuperare un minuto su Inav che, però, è stato costretto a smontare la ruota anteriore per registrare il freno.

Il distacco si attesta ora intorno ai 12 minuti, veramente troppi da recuperare in 10km di corsa. Infati Dalen recupera solo 4′.

Ivan chiude la gare in 2h44′ mentre Dalen arriva 8′ dopo fermando il cronometro in 2h52′.

Il prossimo appuntamento è il 7 Luglio per il triathlon sprint di Revine Lago al quale potrebbe rientrare alle gare Stefano.

DIGA TRIATHLON

Dopo orienteering, atletica, sky running, sci nordico, sci alpinismo e briscola anche il triathlon entra a fare parte degli sports praticati dai membri di skodeg-o.

Infatti ieri, sabato 8 giugno,  Dalen, Stefano e Ivan si sono diretti a Nibbiano in Val Tidone (Piacenza) per partecipare al triathlon sprint della Diga di Molato.

Per chi non lo sapesse il triathlon è composto da tre prove di tre discipline diverse: nuoto, bici e corsa. Le distanze dello sprint prevedono 750m di nuoto, 20km di bici e 5 di corsa.

Al via si presentano circa 200 atleti, con numero riportato su spalla destra polpaccio sinistro, cuffia, pettorale e perfino sulla bici.

Stefano, che ha un’esperienza decorosa in questo sport, porta a casa un ottimo 25° in 1h8′.

Ivan chiude poco dopo la 60^ posizione in 1h14′.

Dalen, dopo esser uscito tra gli utlimi dalla diga, riesce a recuperare qualche posizione in bici e di corsa chiudendo in 111^ posizione in 1h22′.

Prossimo appuntamento il triathlon olimpico di Bardolino del 22 giugno, la gara più importante nel panorama italiano che vedrà al via 1300 persone.